Gli strumenti di revisione

Spulciare un inventario, scartabellare all’archivio di stato, leggere degli articoli, riunire le informazioni, trovare la loro articolazione e giungere ad una luminosa, si spera, sintesi: la ricerca si fa da soli. Chiedere e ricevere consigli, esporre le proprie certezze e i propri dubbi, permettere agli altri di seguire un percorso di scoperta e di crescita intellettuale: la ricerca, per fortuna, non si fa da soli.
Potere disporre di un computer e di programmi appositi facilita entrambe le anime della ricerca: per la prima lo sappiamo bene, anche se talvolta ignoriamo (o quanto meno io ignoro) come fare al meglio. Nel secondo caso, invece, uno strumento molto potente ed interessante è ancora poco conosciuto.

Ipotizziamo che Federico stia preparando la sua tesi di laurea e che, trafelato, una settimana prima di consegnarla, chieda a Ernst di dare un’occhiata al suo scritto: Fede trasmette al suo amico il prezioso documento (possibilmente non come allegato di posta elettronica); Ernstino apre ed inizia a leggere: errori ne trova pochi, ma non sono assenti, principalmente gli pare che si divaghi spesso, troppo. Invece di modificare sic et simpliciter, Ernst attiva lo strumento di revisioni. Così, invece di ritrovare un documento nel quale cercare con la lente d’ingrandimento le modifiche perché manca ogni segnalazione, o perdere tempo con evidenziatori di mille colori, il nostro caro Fede potrà seguire ogni modifica proposta dal suo compagnuccio, accettarla o rifiutarla, ma anche leggere e meditare i suoi commenti, per presentare una tesi meritevole.

QuelchevoleteOffice

Per tutti i sistemi operativi (credo e spero, ma non verifico), gratuiti
LibreOffice, OpenOffice: uno nasce dall’altro, ne prende il testimone, poi i due progetti si ricongiungono… la filogenesi di certi programmi è troppo complessa perché io le dedichi l’attenzione necessaria a capirla e seguirne l’evoluzione. Quel che qui importa è che ci sono e anch’essi dispongono di uno strumento di revisione. Pecca (mia?): non sono riucito a trovare la maniera di visualizzare nel dettaglio i cambiamenti.

Inserire un commento in LibreOffice
Inserire un commento in LibreOffice

Strumenti di revisione in LibreOffice
Strumenti di revisione in LibreOffice

Cambiamenti in LibreOffice: a destra un commento; in giallo nel testo le modifiche; a sinistra un tratto verticale segnala la presenza di modifiche, ma non ho trovato la maniera di visualizzarle in dettaglio
Cambiamenti in LibreOffice

Inserire un commento in OpenOffice
Inserire un commento in OpenOffice

Strumenti di revisione in OpenOffice
Strumenti di revisione in OpenOffice

NeoOffice

Per Mac OS X, a sottoscrizione annuale
Questo pacchetto di programmi, solo per Mac, da gratuito è diventato a sottoscrizione (7€ l’anno, se non sbaglio). Non che io abbia nulla da obiettare: la scelta è assolutamente ragionevole; dato che però non ho usato che NeoOffice una volta nella mia vita, ho deciso di non versare il mio obolo, praticamente solo per questo articolo. Immagino che il funzionamento sia analogo a quello dei suoi parenti più o meno prossimi.
Tuttavia, se mi sono sbagliato e se è possibile scaricarlo grauitamente, segnalatemelo pure e lo aggiungerò volentieri.

Word

Per Windows e Mac OS X (ma non credo per Linux), a pagamento
Scioccamente manca la possibilità di inserire commenti per le note a piè di pagina: si può ripiegare su altre soluzioni, come inserirli nel testo (ma sono suscettibili di muoversi in base all’evolvere del testo ed il revisore potrebbe avere uno schermo troppo piccolo per potere vedere commento e nota simultaneamente) o servirsi dell’artigianale testo colorat0.

Lo strumento revisioni in Word
Lo strumento revisioni in Word

Dettagli della revisione in Word
Dettagli della revisione in Word

Inserire un commento in Word
Inserire un commento in Word

Commento e correzione in Word: quasi nulla li distingue, visivamente
Commento e correzione in Word

Pages

Per Mac OS X, a pagamento
Certamente perché è il programma che più ho usato, comunque Pages è lo strumento con il quale, sino ad ora, mi sono trovato meglio. I cambiamenti vengono visualizzati a sinistra, ed i commenti sono consentiti ovunque, pure nelle note. Attenzione però: se dovete condividere un documento con un utente di un altro programma, prendetelo in considerazione sin dall’inizio e, per esempio, non inserite commenti nelle note (saranno cassati al momento dell’esportazione), ma ragionate in termini Word (solo per quest’aspetto, mi raccomando!).

Inserire un commento in Pages
Inserire un commento in Pages

Strumento di revisione in Pages
Strumento di revisione in Pages

In alto a sinistra, la doppia freccia permette di visualizzare o minimizzare commenti ed annotazioni
Visualizzazione revisione in Pages

Sospendere la revisione in Pages
Sospendere la revisione

Visualizzazione della revisione in Pages: commenti in giallo, interventi sul testo in un altro colore (blu per il primo correttore, altre tinte per le mani successive)
Visualizzazione della revisione in Pages

Mellel

Per Mac OS X, a pagamento
Non ho ancora trovato, forse perché non c’è, la possibilità di inserire dei commenti. Per me è una carenza non trascurabile, ma può essere superata grazie ad un altro strumento di Mellel, le note. No, non voglio dire che negli altri programmi di cui abbiamo parlato non ci siano note, ma credo che nessuno di questi permetta un simile lusso in quest’ambito. Mellel permette infatti di creare diversi ordini di note: con numerazione araba, romana, progressione alfabetica, per caratteri greci. Una di queste serie di note può essere usata per dei commenti. Ad ogni modo, meglio avere sempre lo strumento adatto allo scopo: è sciocco usare un pelapatate come cacciavite, e per la versione 3.0 di Mellel diversi utenti hanno già chiesto la presenza dei commenti.

Strumenti di revisione in Mellel
Strumenti di revisione in Mellel

Cambiamenti in Mellel
Cambiamenti in Mellel

Stesso menù: fine della revisione; pausa e navigazione tra le modifiche
Gestione dello strumento di revisione

Ultimi commenti

Tenere conto delle correzioni, sembra un’operazione informatica non semplicissima: in caso di documenti lunghi o con diversi strati di correzioni, Word (di più) e Pages (di meno) tendono a rallentarsi ed a chiudersi, degli altri non so, fatto salvo che la nomea di Mellel è che mai si inchioda, mai rallenta.
Se il lavoro viene realizzato a più mani (e non ad una mano con più occhi a rileggerne l’operato), non escludete la possibilità di azzerare periodicamente le correzioni: dando il comando di accettare tutte le modifiche, potrete evitare il sovrapporsi di troppi strati di correzioni, una distrazione notevole, talvolta.
Infine non dimenticate che è possibile sospendere il rilevamento delle modifiche, quando serve (per inserire una nota cui prima non si era pensato, per esempio), senza perdere le annotazioni già effettuate e potendo sempre riprendere (una volta conclusa).

Infine potete notare, in diverse immagini, come il centro del bottone rosso della finestra del programma sia spesso occupato da un pallino nero: il segnale che il documento non è stato salvato. Se Word ha un sistema di salvataggio automatico, Mac OS X Lion ha il raffinato sistema di Versioni, chi usa iWork con Snow Leopard (e precedenti, sino a Mac OS X 10.4.11) può fare apello all’eccellente e gratuito Autosave4iWork.

Annunci

10 thoughts on “Gli strumenti di revisione

  1. Non ho capito bene cosa sono esattamente le note in Mellel e perché sono diverse dai commenti.

    Un’altra domanda: le revisioni che fai su un programma sono compatibili con altri programmi? Per esempio se scrivi qualcosa su Mellel, puoi farlo leggere e correggere a qualcuno che ha solo Pages?

    • Grazie per le domande!
      Le note di cui parlavo sono le note a piè di pagina: chiarirò con un’immagine, appena possibile.
      Ritornerò compatibilità: ho già accennato ai problemi tra Pages e Word. So che diversi anni fa esistevano problemi nel passaggio tra OpenOffice e Word. Tra Mellel e Pages si può passare tramite il formato doc: ognuno dei due programmi ha un’efficiente funzione di esportazione, ed importano il formato doc altrettanto bene. Ma, confesso, i miei test non sono per nulla approfonditi.

    • Eh, sì, pochi hanno Mellel, ma è compatibile pure con Word (e tutti gli altri, appunto, via .doc).
      Del resto Mellel punta un settore di nicchia, sostanzialmente quello dei lavori universitari, delle pubblicazioni scientifiche.

  2. Bell’articolo, e soprattutto utile! Da nuovo utente mac, mi è servito per imparare alcune funzioni di pages, passerò la parola!

    • Il messaggio ha tutta l’aria di essere una pubblicità pubblicata da un bot, ma segnala un prodotto (diverso da quello di cui si parla nell’articolo) che ad alcuni lettori può interessare.

Di' la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...